Friday, 16 September 2011

English pronunciation for Italians

I’ve finally got round to reading Luciano Canepari’s book on English pronunciation, Pronuncia inglese per italiani (2009, 2nd edition; Aracne). The book is aimed at Italian students of EFL and claims to contain

tutto ciò che serve sapere sulla pronuncia dell’inglese d’oggi, per ottenere buoni risultati nel capire i nativi e farsi capire da loro”.

(‘all the information you need to know about contemporary English pronunciation. After reading this book, Italians will be able to understand native speakers and make themselves understood’.)

H’m. What an ambitious goal! 

IMHO, the book is a very feeble attempt at describing the pronunciation of current English. First of all, the author doesn’t focus on any particular variety but illustrates the features of a type of English he calls “pronuncia internazionale” (‘international pronunciation’) (p.14), that is

una parziale semplificazione, che fonde assieme le caratteristiche americane e britanniche, liberandole dalle peculiarità più strane. Quindi, non è nulla di artificiale, né senza un solido fondamento; anzi, è la sublimazione del meglio”. 

(‘a partial simplification and a mixture of British and American English pronunciations but without their strange or unusual characteristics. This is no artificial model. On the contrary, it is the sublimation of the best’.)

I just wonder how this kind of ‘model’ can help students of EFL understand native speakers if it is a variety nowhere to be heard on this planet! But anyway...

Another characteristic of this book is the use of phonetic symbols which are not approved by the IPA and which Canepari has invented himself. (As my readers will know, Canepari has developed a phonetic transcription system called canIPA, an extended version of the IPA consisting of 500 basic, 300 complementary, and 200 supplementary symbols. This is because, in his view, the IPA is defective as it doesn’t permit a detailed transcription of the sounds of the world’s languages.) Look, for instance, at the following transcription of The North Wind and the Sun (p.76). Notice how ridiculously complicated and cumbersome it looks:


 I very much doubt this kind of phonetic transcription will make things easier for non-native speakers of English!

On pages 141-144, Canepari deals with another variety of English pronunciation which he terms “pronuncia mediatica” (‘the pronunciation used on British and American television and radio’). This type of accent is only briefly sketched and, in the author’s opinion, is all too complicated to be taught. 

In the same section, for the first time, Canepari uses expressions like “preglottalizzazione” (‘pre-glottalization’) and “vocalizzazione” (‘vocalization’), but he refuses to mention glottalling probably because he regards it as a ‘negative’ phenomenon which doesn’t deserve to be reported on.

It is also curious to note that, on page 187, he criticises John Wells’s LPD 3 for providing a kind of General American pronunciation which “sconfina nel mediatico” (‘is too typical of American television and radio’). Too typical? What does that mean? I just cannot imagine what other type of pronunciation Professor Wells ought to have included in his dictionary! Also, what is the boundary between General American and the pronunciation one hears on television and radio in the US?

(If you want to know more about Canepari and his ‘phonetic method’, take a look at his website here.)

11 comments:

  1. ‎"The mixture of British and American English pronoounciations... but WITHOUT thier strange or unusual characteristics." Man, take a stance. Either you want to be particularistic or you don't. You can't just be approximate especially with people in search of guidelines. The idea of the overcomplicated alphabet is funny as well.
    Plus, now that I think about it: British and American. No Irish? Why? Feel left out... And ours is one of the most particular accents in English. Maybe too particular..

    ReplyDelete
  2. Interesting.

    A couple of thoughts:

    His model will inevitably suffer for it's artificiality in the same way that Basic English suffered and, arguably, Lingua Franca English must suffer - there are no natives of these varieties and therefore no teachers and no living exemplars. So there are no recordings for the book, I assume, (how could there be?) and the only person able to teach such a model is Canepari himself.

    His approach to transcription reminds me of C19th works when the authors were still fumbling for the phonemic principle. There's also an early/mid C20th obsession with transcription which isn't an issue in these days of cheap and easy production and distribution of recordings. Phonetics is more than just transcription for transcription's sake (I hope!).

    I eagerly await the English translation.

    ReplyDelete
  3. Thank you, Paul!

    Yes, as you can imagine, there are NO recordings whatsoever for the book. So the whole volume is pretty much useless!

    Also, I don't think the book will ever be translated into English: hardly anybody bought it in Italy when it was first released!

    Canepari has, however, published "English PronunciationS", which to me looks like a very bad carbon copy of Wells's "Accents of English":

    http://venus.unive.it/canipa/dokuwiki/doku.php?id=pdf#english_pronunciations

    ReplyDelete
  4. è ovvio che non conosci bene il lavoro di Canepari e ciò che ha fatto in tutti questi anni.. ha creato un suo ampissimo alfabeto IPA per compensare gli "orrori" della normale IPA, ha descritto quasi tutte le lingue del mondo in un modo che nessun altro ha mai fatto usando simboli specifici (ad esempio ha messo in risalto il fatto che spesso le vocali lunghe sono dittonghi in tante lingue ecc.) e così via.. scusa se uso il termine, ma s'è letteralmente "spaccato il culo" per fare English PronunciationS e tante altre, fonetisti come Labov hanno preso ingrati onori quando lui è stato completamente ignorato.. che c'è di male a render più semplice la lingua inglese per chi la vuole imparare? Una bella via di mezzo tra British e American è quello che è necessario per imparare l'inglese e non ricevere stigma, e io lo parlo e non ho mai avuto problemi, la mia pronuncia è giudicata buona un po' in tutto il mondo, specialmente considerata "nativa".. non so ma vedo dello sporco anche dei fonetisti ultimamente, chi fa del buon lavoro viene ignorato, chi dice cavolate senza accertamenti e illude la gente di "shift" viene premiato.. ora basta, giudicate ciò che ha fatto Canepari in tutti questi anni, per me è il miglior e più descrittivo fonetista che esiste, e non è apprezzato da nessuno ahimé..

    ReplyDelete
  5. Guarda che è grazie a Canepari e i suoi simboli canIPA ben descritti, con inserita posizione per riprodurli, che so l'inglese bene.. nessuno ha mai descritto così bene ad esempio del tassofono dello schwa in contatti con velari, o della precisione delle realizzazioni di vocali e consonanti.. nessuno nell'ambito della fonetica è mai stato così preciso, ne ho visti vari lavori che possono essere tranquillamente buttati nel cesso seduta stante (che non usano neanche i simboli IPA ufficiali, ma questi non li critichiamo, certo che no..).. ti consiglio di sciacquarti la bocca prima di parlar di lui in questa maniera e vedere qualche capitolo dei suoi libri sul suo sito per vedere la precisione delle sue descrizioni... siamo tutti bravi a giudicare, meglio vedere prima il proprio orto prima di giudicare quello degli altri..

    ReplyDelete
  6. @ Maurizio:

    "ne ho visti vari lavori che possono essere tranquillamente buttati nel cesso seduta stante (che non usano neanche i simboli IPA ufficiali, ma questi non li critichiamo, certo che no..)"

    Anche io li ho visti, e credo che il mio blog lo dimostri in pieno (confronta le critiche che ho fatto a molti dei libri pubblicati dalla Cambridge, per esempio!)

    "ti consiglio di sciacquarti la bocca prima di parlar di lui in questa maniera e vedere qualche capitolo dei suoi libri sul suo sito per vedere la precisione delle sue descrizioni... siamo tutti bravi a giudicare, meglio vedere prima il proprio orto prima di giudicare quello degli altri.."

    La critica è parte integrante di tutti coloro che si espongono al pubblico. Come io accetto (e pubblico!) i tuoi commenti, anche tu accetta i miei (e senza espressioni ignoranti e di cattivo gusto che deturpano soltanto le tue opinioni!).
    Un ultimo appunto: i libri di Canepari li ho tutti a casa e li conosco bene! E il suo sito lo visito ogni singolo giorno...!

    PS: But why don't you write your thoughts in English?

    ReplyDelete
  7. I like your input Alex. I'm always on the look out for methods that HELP improving pronunciation, as theory and transcriptions aren't what most people need. My website is

    www.pronunciainglese.com on youtube:
    http://www.youtube.com/watch?v=XHWbHlF0kkI
    http://pronunciainglese.blogspot.com/

    I teach but I consider my self a student, open to ideas that work and help our fellow friends.
    Ciaooouuuu
    Marco

    ReplyDelete
  8. ''Mediatic pronunciation of English'' (half British half American)
    sounds as weird as it would sound ''Mediatic pronunciation of Italian'' (half romana and half milanese). , a new kind of a mockery accent at best!

    Professor Canepari can be trusted when Italian language is concerned, but even his Spanish and Portuguese phonetics & phonology knowledge leaves a lot to be desired. He has a unique approach ''I want to make everything look the way I want''.
    For Brazilian Portuguese, get ''Fonética e fonologia do português '' by, THAÏS CRISTÓFARO SILVA instead.

    ReplyDelete
  9. Conosco e ammiro da anni il lavoro di Luciano Canepari. Il suo canIPA è secondo me assolutamente indispensabile per farsi un'idea reale della fonetica di una lingua: infatti, i suoni delle lingue del mondo sono molti di più dei simboli dell'IPA! Tutti i fonetisti propongono nuovi simboli quando ne hanno bisogno, la differenza è che Canepari si occupa di un grandissimo numero di lingue e ha un orecchio ben migliore della media, per cui succede particolarmente spesso che abbia bisogno di simboli nuovi. Quanto alle critiche alle sue etichette del tipo "inglese internazionale", basta voler capire cosa intende per meravigliarsi meno e anzi avere a disposizione un ottimo strumento per insegnare la complicata fonetica inglese; dopodiché non è mica obbligatorio usare i suoi lavori: però giudicare la validità di un'opera in base al numero di copie vendute mi sembra un procedimento un po' superficiale (in campi come la letteratura, basterebbe a far perdere la reputazione al critico più quotato...).

    ReplyDelete
    Replies
    1. Menomale che non sono l'unico a pensare ciò che ho scritto in questo post:

      http://www.linguism.co.uk/language/online-grammar-teaching

      Delete
  10. Non voglio far polemica e quindi mi fermo dopo questo messaggio: il link che indichi non entra nel merito dei punti su cui Canepari sarebbe less than perfect, e nemmeno tu sei stato molto dettagliato in materia: quali sono i suoni sulla cui realizzazione si è sbagliato? E siamo sicuri che a volte le differenze di opinione non siano dovute semplicemente al campione di parlanti utilizzato, senza tener conto di tutta la variabilità che esiste in questi casi? Mi sembra che ci sia una certa tendenza degli specialisti di lingua inglese a sentirsi invasi da uno che entra nel loro territorio avendo come specializzazione la fonetica e non l'inglese (ma allora chi sarebbe autorizzato a fare fonetica di più di 1 o 2 lingue?). Personalmente mi occupo di alcune delle lingue di cui tratta Canepari e non mi sento affatto invaso, anzi avere un suo studio su tali lingue costituisce per me un'ottima base di partenza. Poi sarà less than perfect? Sfido chiunque ad essere completely perfect in questo campo, e a non avere mai qualche piccolo dettaglio da limare, anche sulla base di nuovi ascolti e di nuove tendenze presso le comunità linguistiche indagate. Se poi non vi piace il suo approccio in generale, questo non significa che il suo lavoro non valga niente: significa solo che voi preferite un altro approccio. Rifiutare a scatola chiusa quel che fa mi sembra privarsi di un utile contributo per motivi più personali che scientifici. Auguri di buon lavoro

    ReplyDelete